Un nuovo aumento per i .org?

i domini .org verso nuovi aumenti?

tolto il price-cap sui domini .org

La Public Interest Registry ha ottenuto il rinnovo della gestione per i domini .org da parte dell’ICAAN (l’ente internazionale che regola la gestione dei domini). A sorpresa però ottiene anche la rimozione del limite di prezzo, detto price-cap.

Si tratta di una scelta senza precedenti che ha creato qualche timore riguardo al futuro di questa estensione.

La posizione ufficiale della Public Interest Registry

I domini .org attivi al momento sono oltre 10 milioni e la Public Interest Registry ha voluto rassicurare i propri utenti con una lettere aperta agli utenti. In questa afferma che non ha alcuna intenzione di aumentare il costo dei domini.

Public Interest Registry è l’operatore no-profit che opera dietro ai .org e pertanto afferma di essere diversa da altri operatori del settore, perchè le loro decisioni non sono basate solo su considerazioni finanziarie.

Per ogni dominio venduto, 50 cents vanno alla Internetsociety.org e al finanziamento dei loro progetti. Quindi se un incremento dei prezzi si traducesse in una diminuzione delle vendite (ipotesi probabile) questo andrebbe a svantaggio dei progetti che sono la reale Mission dell’organizzazione. Per questi motivi sarebbe controproducente per la diffusione dei .ORG come per i progetti sostenuti grazie ad essi.

Aumenti dei domini .org negli anni

I domini .org da quando sono nati hanno registrato un solo aumento, nel 2016 quando infatti la Noamweb ha aumentato il costo di questa estensione da 8,9 euro a 12 euro + IVA.

Ad oggi è possibile registrare un dominio .org gratuitamente se si acquista insieme ad un piano di hosting, a partire da 19 euro + IVA l’anno.

domini .org gratis con il piano di hosting

hosting con dominio .org gratis

Ci auguriamo che il prezzo resti inalterato, anche perchè molte nuove estensioni sono nate in questi anni ma i domini .org restano sempre molto richiesti. Sono scelti non solo da organizzazioni di ogni genere ma anche da utenti che con questa tipologia sono riusciti a trovare libero il dominio che vogliono registrare senza scegliere tipologie meno usate e magari più costose.

Categorie: news

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *